Logo rifiuti nella rete

Raccolta Differenziata

I rifiuti solidi urbani rappresentano un'emergenza. La raccolta differenziata finalizzata al riciclaggio, che può consentire una drastica riduzione del ricorso a discariche o inceneritori ha ampi margini di miglioramento.
Il 5 febbraio 1997 il Presidente della Repubblica ha emanato il decreto legislativo n.22 sui rifiuti, meglio noto come decreto Ronchi, che fissa gli obiettivi minimi di raccolta differenziata da realizzarsi: 15% sul totale dei rifiuti entro il '99, 25% entro il 2001, 35% entro il 2003. Nel 1999 Amiat ha raggiunto 20,1%, grazie alla collaborazione dei torinesi.
I volumi di materiali riciclabili avviati al recupero sono volumi risparmiati in discarica. Una discarica, quella di basse di Stura a Torino, destinata all'esaurimento entro il 2003. In attesa di un sistema integrato di smaltimento, le raccolte differenziate sono una realtà concreta e positiva, a cui tutti sono invitati a collaborare. Come? Seguendo alcune regole elementari per separare correttamente le materie recuperabili.
Quali sono le raccolte differenziate a Torino? Carta, plastica, vetro e lattine, indumenti usati, rifiuti ingombranti, Rifiuti Urbani Pericolosi (pile, farmaci,...), e prodotti nocivi. Da parte nostra abbiamo fissato come uno degli obiettivi fondamentali l'informazione. In questo sito potete "tastare il polso" alle raccolte differenziate seguendo di mese in mese i frutti del vostro impegno per l'ambiente, essere a conoscenza delle iniziative promozionali di raccolta differenziata che Amiat pensa su misura per le differenti realtà territoriali e sociali di Torino.

Advertisment
www.vanefist.eu
Get slim fast!
Check it
prolesanpure.com
The end of obesity!
Click here
https://mascuring.com/
Erection ring for men!
Only here!

Raccolta differenziata della carta

Quali rifiuti mettere

Giornali, riviste, quaderni, tabulati, carta da pacchi, cartone e cartoncino, sacchetti di carta, tetrapack per bevande quali latte e succhi di frutta.

Quali rifiuti non mettere

Carta sporca, carta oleata o plastificata, carta o cartone accoppiati con altri materiali, carta chimica dei fax, bicchieri e piatti di carta, carta autocopiante, carta con residui di colla, sacchetti di plastica, polistirolo, cellophane.

Come gettare i rifiuti

La carta da pacchi deve essere pulita, non accartocciata e non legata da fili metallici.

Dove gettare i rifiuti

Nei cassonetti con il coperchio giallo, negli scatoloni del Progetto Cartesio presso il proprio domicilio o nei centri di multiraccolta. Il consorzio che si occupa del recupero dei rifiuti in carta è il Comieco.

Come si riutilizzano i materiali

La carta può essere non solo riciclata, ma anche ampiamente riutilizzata: il retro dei fogli già stampati può servire per prendere appunti o lasciare messaggi; i sacchetti di carta possono trasportare la spesa più volte, i libri usati possono essere donati alle scuole o alle biblioteche. Anche gli scatoloni in cartone possono essere riutilizzati per movimentare le merci.

Raccolta differenziata dei rifiuti organici

Quali rifiuti mettere

Gli avanzi alimentari (es.gusci d'uovo, bucce di frutta e noccioli, scarti di verdura, ecc.), carne e ossi, pesce e lische, fondi di caffè, bustine di te e tisane,fiori, foglie ed erba.

Quali rifiuti non mettere

Avanzi di cibi caldi, liquidi, metalli, vetro, porcellana e terracotta, giornali, riviste, imballaggi di carta e cartone, plastica, prodotti chimici, tessuti e pannolini di carta, medicinali, garze e cerotti, lettiere per cani e gatti.

Dove gettare i rifiuti

Dopo averli separati dagli altri tipi di rifiuti, quelli organici vanno depositati negli appositi cassonetti con il coperchio marrone.

Raccolta differenziata dei rifiuti urbani pericolosi

Quali rifiuti mettere

Pile e batterie a secco estratte da radio, transistor, calcolatrici, giochi, walkman.

Raccolta differenziata della plastica

Quali rifiuti mettere

Contenitori per liquidi fino a 10 lt., ossia bottiglie, per bevande, flaconi dei prodotti per l'igiene personale e pulizia della casa quali shampoo, bagnoschiuma, detersivi, ecc. Vaschette per l'asporto di cibi, confezioni per alimenti (es. yogurt), polistirolo espanso degli imballaggi e simili, borse di nylon, cellophane e plastica in pellicola in genere. Tutti i contenitori che recano le sigle PE, PET e PVC possono essere riciclati.

Quali rifiuti non mettere

Giocattoli, custodie per cd, musicassette e videocassette, piatti, bicchieri e posate in plastica. Tutti quei rifiuti in plastica che non riportano le sigle PE, PS, PET e PVC o che presentano residui di materiali organici (es.cibi) o di sostanze pericolose (vernici, colle, ecc.).

Come gettare i rifiuti

La plastica ha poco peso ma molto volume, quindi le bottiglie devono essere ridotte il più possibile, schiacciandole in orizzontale e rimettendo il tappo affinchè non riacquistino la forma originaria. I flaconi devono essere sciacquati.

Dove gettare i rifiuti

Nei cassonetti con il coperchio grigio e nei centri di multiraccolta di via Salgari e corso Brescia. Nel centro storico i rifiuti vengono raccolti dentro sacchi ritirati direttamente dagli stabili.

Come si trasformano i rifiuti

Il materiale raccolto viene trasformato dal consorzio Corepla in nuovi oggetti d'uso e indumenti (es.capi in pile). Quando la separazione delle diverse plastiche risulta troppo complessa o costosa, la plastica può essere ugualmente riciclata, dando luogo a vari materiali: tubi per staccionate, vasi per fioriere, giochi da giardino per bambini. Il consorzio si incarica anche di trasformare i rifiuti in energia: con una sola bottiglia di plastica si può tenere accesa una lampadina di 60 watt per un'ora.

I risultati della raccolta differenziata

Nel 2000 sono state raccolte a Torino 2510 tonnellate di plastica.
(Aggiornato al 24 luglio 2001)

Raccolta differenziata di vetro e lattine

Quali rifiuti mettere

Il vetro dei contenitori con vuoto a perdere (es.bottiglie, barattoli e vasetti), le lattine per le bevande e l'olio, le scatolette per la conservazione dei cibi, in alluminio o in ferro rivestito di stagno, quali scatole di pelati, piselli, tonno, ecc.. ferro e alluminio vengono raccolti insieme, perché sono facilmente separabili e perchè in tal modo si rispsrmiano ulteriori cassonetti sulle strade.

Quali rifiuti non mettere

Vetri per finestre, specchi, oggetti di ceramica e porcellana, tubi al neon, barattoli con residui di colori e vernici, filtri, bombole e bombolette del gas.

Come gettare i rifiuti

Le bottiglie vanno svuotate e risciacquate. Le lattine vanno schiacciate, per essere ridotte di volume quanto più possibile, e sciacquate.


Allegati

Pieghevole 1
Pieghevole 2

|  torna indietro  |  Home Page  |